Note a margine sulle quote rosa

we-can-do-itLe quote rosa, idolo indiscusso di tutte le campagne elettorali, consistono in alcune normative volte a eliminare la discriminazione di genere nei confronti delle donne. Possono riguardare la pubblica amministrazione, le liste delle elezioni e anche il privato. Cosa comportano? Che, per esempio, nel consiglio di amministrazione di un azienda, ci debbono essere un minimo di donne. Non possiamo evitare, anche a costo di essere bollati di maschilismo, di sorridere di fronte a queste ridicole contromisure rispetto al perenne sessismo di cui è affetto il nostro paese. Ma, a pensarci bene, cosa comporta l’istituzione delle quote rosa? Facciamo un semplice esempio per essere più chiari, useremo numeri piccoli per evitare caos: nel cda dell’azienda XY devono accedere due persone che, a causa delle quote rosa, saranno di sesso diverso. I candidati sono 4: Marco con 100 punti, Alberto con 95, Angela con 90 e Nicoletta con 30. Per logica dovrebbero essere ammessi Marco e Alberto, mentre il limite posto dalle quote rosa fa aumentare virtualmente il punteggio di Angela e la fa entrare di diritto nel consiglio di amministrazione della società. Sono pari opportunità queste? In uno stato liberale dovrebbe esserci solo ed unicamente meritocrazia, nemica di ogni discriminazione ma vittima di questi finti rimedi che non fanno altro che far saltare la fila a persone che non se lo meritano solo in virtù del loro essere donne. Le donne dovrebbero indignarsi per essere viste non come delle persone che hanno dei meriti, ma come delle donne che si appellano al loro essere donne per andare avanti. «Le quote rosa le ha fatte un uomo» è la frase che gira sul web a proposito di questa follia proposta più volte da una Sinistra che non sa trovare una versa soluzione ad un problema, la discriminazione di genere, che è innegabile che sia presente in uno stato di trogloditi come il nostro. Nuove idee all’orizzonte? Tabula rasa.

Tito G. Borsa

Tito Borsa

Ho fondato La Voce che Stecca e la dirigo dal 19 aprile 2014. Scrivo ogni mese sul Borghese e ogni tanto sul blog Sostenitore del Fatto Quotidiano. Una laurea in Filosofia all'Università di Padova

Un pensiero riguardo “Note a margine sulle quote rosa

  • dicembre 12, 2014 in 10:15 pm
    Permalink

    Io modestamente una proposta ce l’avrei, anche alla luce del risultato globale di conflitto e sopraffazione che gli uomini hanno ottenuto solo negli ultimi duemila anni: si facciano da parte ovunque, tornino a scuola a imparare un ruolo diverso e lascino il posto alle donne, ora tocca a loro. Credo che gli convenga se non vogliono rimanere sotterrati dalla vergogna che suscitano molte delle loro belle imprese! E’ una proposta alla Pasolini: iperbolica ma non per questo così assurda.
    Chiara

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares