Gabriele Morelli – Una società senza progetto

Una società senza progetto
Gabriele Morelli
Edizioni Kimerik – 2014 – 14,80 euro
product

Di Tito G. Borsa

Gabriele Morelli, Rimini classe 1953, dopo la laurea in Economia e Commercio ha lavorato per 35 anni al Cna, l’Associazione di Rappresentanza delle piccole imprese e dell’artigianato, fino a raggiungere nel 2005 il ruolo di Segretario regionale per l’Emilia-Romagna. In Una società senza progetto Morelli unisce le teorie economiche alla propria vita professionale attraverso un viaggio a ritroso nella sua esperienza personale e lavorativa. Il libro è diviso in quelle che l’autore chiama «sfide del cambiamento», dove cambiamento è inteso come progresso, innovazione. Il lettore si trova così di fronte al giovane Morelli impegnato a scrivere la propria tesi di laurea sull’impresa alberghiera nella riviera romagnola e poi via via in avanti, passando anche per dei drammatici «incidenti di percorso» di natura personale. Una società senza progetto è un libro scritto da un uomo che, almeno per quanto riguarda la propria vita lavorativa, non può non essere soddisfatto di se stesso e non smette di declamare i propri successi dall’inizio alla fine del libro. È un vero peccato questo: un lavoro senza dubbio interessante viziato pesantemente però dagli eccessi narcisistici dell’autore. Tutti ne soffriamo, l’importante – soprattutto quando poi ne rimane traccia scritta – è riuscire a contenersi. Il libro è comunque abbastanza interessante, pone interrogativi (e spesso cerca di rispondere) che spesso si pone anche l’uomo comune lontano dall’economia e per questo può essere un buon inizio per chi vuole approcciarsi alla materia. Morelli ha voluto unire l’autobiografia al saggio economico, ne è venuto fuori un libro di grandi potenzialità quasi tutte però inespresse per la ragione suddetta.

VOTO style

 

Tito Borsa

Giornalista praticante. Autore di Un silenzio italiano (Cleup, 2017), studio alla Scuola di Giornalismo della Luiss a Roma. Ho fondato La Voce che Stecca e l'ho diretta fino al 30 settembre 2017.

Shares