Maria José Flores Requejo – Elogio delle acque e della pietra

Elogio delle acque e della pietra
Maria José Flores Requejo
Di Felice Edizioni – 2014 – 10 euro

73-L-Flores

Difficile recensire una raccolta di poesie come l’Elogio di Flores: qualche decina di brevissime poesie senza titolo che lasciano al lettore un mare di dubbi. «L’animale che fiuta/la prossimità dell’acqua/attraversa la notte/e il tormento/e il freddo/come una landa prodiga e serena.//Non teme la minaccia degli uomini/Non si cura di abitudini né di insidie./L’arsura accresce la sua brama». Al lettore comune, senza un bagaglio culturale particolarmente grande sulle spalle, che messaggio arriva leggendo questi versi? Nessuno, ci sentiremmo di dire. L’Elogio è un’opera molto raffinata, dai ritmi lenti o rapidi a seconda che si parli «della pietra o delle acque», per rifarci al titolo della raccolta; unico peccato mortale della raccolta di Flores è l’ermetismo che troppo spesso avvolge le poesie rendendole difficilmente comprensibili. Ma, come dicevamo prima, anche il lettore comune non rimane indifferente ai versi della poetessa spagnola: Flores ha il potere di trascinarlo in un vortice di dubbi: dopo aver letto l’ultima pagina dell’Elogio, capiremo che questo non è uno di quei libri che ci cambia la vita mostrandoci il mondo da un’altra prospettiva, ma piuttosto demolisce molte delle certezze che pensavamo di avere.
VOTO depasquale

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

Shares