Ergastolo all’«Eternit bis», la rivincita di Casale Monferrato

Casale_Monferrato-piazza_Mazzini1

E così Stephan Schmidheiny sarà processato per omicidio e la procura chiederà l’ergastolo. Queste sono le basi del processo «Eternit bis», iniziato il 12 maggio a Torino. Ci sforziamo di essere fiduciosi ma, considerando l’età dell’imputato e i tempi della giustizia italiana, è arduo pensare che il magnate svizzero finisca i suoi giorni nelle patrie galere. Per chi non lo sapesse, Schmidheiny è l’unico responsabile ancora in vita delle stragi (a Casale Monferrato e a Napoli) dovute agli stabilimenti dell’Eternit, gigante dell’amianto chiuso quasi 30 anni fa. A novembre il processo per disastro ambientale e mancanza di cautele infortunistiche si era chiuso con un nulla di fatto a causa della sopravvenuta prescrizione, ora – si spera – le cose sono cambiate: ovviamente, essendo l’accusa di omicidio, il reato non può cadere in prescrizione, ma non era questo l’unico problema sottolineato dalla Cassazione con la sentenza di novembre: mancava infatti il «nesso fra l’“evento epidemico” e la condotta dell’imputato». In altre parole: è colpa di Schmidheiny se sono morte tutte quelle persone a causa dell’amianto? Pare lapalissiano, ma per legge si deve provare anche l’ovvio.

eternit
Nel frattempo si sta progettando (sarà pronto l’anno prossimo) il «Parco Eternot» a Casale Monferrato (Alessandria), un «parco eccezionale denso di storia e di memoria, di presente e di futuro», spiega l’assessore all’Ambiente Luca Gioanola al
Monferrato. Un’area eventi con anfiteatro, una pista ciclabile che circonda il parco, un’area storica-monumentale, una dedicata ai bambini e molto altro, tutto dove un tempo sorgeva la fabbrica dell’Eternit.
Chissà che, a prescindere dal risultato del processo, Casale inizi davvero a rinascere guardando al passato ma sempre con gli occhi puntati al futuro: lì di Eternit non c’è nemmeno l’ombra.

Tito Borsa

Ho fondato La Voce che Stecca e la dirigo dal 19 aprile 2014. Scrivo ogni mese sul Borghese e ogni tanto sul blog Sostenitore del Fatto Quotidiano. Una laurea in Filosofia all'Università di Padova

Un pensiero riguardo “Ergastolo all’«Eternit bis», la rivincita di Casale Monferrato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares