Mamma, mamma dammi la pensione

fornero-piange

Le elezioni regionali hanno tolto i riflettori dalla questione pensioni: i 15-20 miliardi che lo Stato dovrà restituire ai cittadini dopo la sentenza di incostituzionalità della legge Fornero. Gli italiani nel giro di un anno sono – almeno un po’ – maturati: sarebbe sciocco e sintomo di malafede affermare che gli 80 euro promessi prima delle europee del 2014 siano stati ininfluenti per il plebiscitario (escludendo l’astensione) risultato a favore di Renzi. Per le regionali il premier ci aveva riprovato promettendo 500 euro una tantum ad agosto a tutti coloro che sono stati toccati dalla legge Fornero ma questa volta non tutti si sono fatti fregare: in effetti 500 euro non sono altro che una briciola dei soldi che lo Stato deve restituire ai cittadini. Lo ha stabilito la corte costituzionale e Renzi, nel caso decidesse (come sembra) di voler ignorare completamente la sentenza, creerebbe un ingombrante precedente.
Paradossalmente ci tocca – solo per questa volta – appoggiare Salvini: Movimento 5 Stelle a parte, la Lega è l’unico partito che ha il diritto di contestare la legge Fornero che è stata votata da Pd, PdL, Udc e Fli. E adesso invece tutti a sbracciarsi per mostrare di essere sempre stati contro il cosiddetto «Salva Italia», che – numeri alla mano – pare aver fatto solo danni.
Se il trasformismo è opportunità, qua siamo al traguardo: di più non si può fare.

Tito Borsa

Ho fondato La Voce che Stecca e la dirigo dal 19 aprile 2014. Scrivo ogni mese sul Borghese e ogni tanto sul blog Sostenitore del Fatto Quotidiano. Una laurea in Filosofia all'Università di Padova

Un pensiero riguardo “Mamma, mamma dammi la pensione

  • giugno 5, 2015 in 10:49 pm
    Permalink

    Il titolo è spettacolare! Bellissimo!
    Per il resto sembra tutto una buffonata!

I commenti sono chiusi

Shares