Libera informazione: Vincenzo Iurillo del Fatto

resize.php

Giornalismo libero non significa giornalismo piatto, senza personalità, senza posizioni, neutro. Cosa significa veramente fare il giornalista «libero»?
Bella domanda. Ci sono diverse risposte. Io ne ho due. La prima: è un giornalista libero quello che riesce a pubblicare le sue notizie senza essere condizionato dagli interessi di un editore invadente o di un direttore omertoso. La seconda: è un giornalista libero quello che riesce a fare questo mestiere con una serenità economica e professionale che ti consenta di non fermarti davanti alla notizia «rischiosa». Il giornalista precario e senza tutele legali ci penserà due volte prima di proporre una storia scomoda, per la quale potrebbe essere citato in giudizio. Anche se la notizia è vera.

Qualche mese fa usciva il documento di Reporters sans frontières sulla libertà di stampa nel mondo. L’italia è al 73esimo posto. Come commenteresti questo dato?
È il frutto di un mix micidiale: una profonda crisi nel settore, l’assenza di editori puri, la presenza di una criminalità soffocante. E una legislazione sulla diffamazione che pare scritta apposta per intimorire i giornalisti. Chi querela non rischia praticamente nulla, anche se la denuncia è manifestatamente infondata.

Caso Unità: fallisce e vengono pignorati i beni di alcuni giornalisti, tra cui la direttrice. Secondo te questo episodio tocca il problema della libertà di espressione o no? Perché?
La libertà di espressione in questo caso c’entra poco. Ciò che sta succedendo ai colleghi dell’Unità è il risultato di una situazione assurda, che affonda le radici nella mancanza di tutele per il lavoro dipendente giornalistico. Io azzardo un paragone: è come se dei debiti di una fabbrica chiusa per bancarotta debbano risponderne gli operai.

Infine, cosa consiglieresti ad un aspirante giornalista?
Consigli a un aspirante giornalista? Di non fare questo lavoro. A meno che non si sia dotati di una forte, fortissima motivazione.

Shares