Stupro a Roma: i commenti sui social

calabrese-stupro

«Per come vanno in giro le ragazze adesso sapresti distinguere una minorenne da una maggiorenne?».
«Vedrai che mo la minigonna e le tette fuori non le porta più».
«Saranno felici i suoi… congratulazioni!».

«Di solito la notte in strada ci sono le lucciole».
«Ste zozzette».
«Per spogliarvi andatevene sulle spiagge almeno».
«Oggi è pieno di stupide che pur di far parlare di sé o racimolare un po’ di soldi fanno e dicono di tutto».
«La colpa è nostra non siamo più capaci di fare i genitori, a questi figli tutto è dovuto. Non ci sono più regole, non c’è più dignità».

Questi alcuni dei commenti sui social alla notizia di un militare italiano accusato di aver stuprato una quindicenne romana. Definirli imbarazzanti è poco. Cari lettori, meglio non perdere altro tempo dietro chi approfitta del relativo anonimato del web per dire le sue cazzate.

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

Shares