Antologia dell’«era meglio tacere»

«Sentii parlare di video e foto di Berlusconi nudo» (Fabrizio Corona). Ecco chi ha le armi di distruzione di massa.
«L’Italia non rinuncerà mai a salvare vite umane» (Matteo Renzi sui migranti). Vedansi Ventimiglia e il piano europeo Triton che costa un terzo di Mare Nostrum, e si vede.
«(Lagioia, ndr) ha vinto (il premio Strega, ndr) perché è l’unico che avevo letto» (Stefano Menichini). Dopo la chiusura di Europa e il declino di Renzi, almeno una soddisfazione per Stefano.
«Una destra che non ha vergogna: tornino nelle fogne da dove sono venuti» (Ignazio Marino). Orsù, è arrivata l’ora di darci il cambio.
«A letto con l’Unità» (una lettrice su Twitter). Ogni tanto bisogna anche accontentarsi.
071023_pina_picierno_camera«Come mi sento? Come uno che è appena uscito da una guerra termonucleare» (Vincenzo De Luca sull’Unità). Termonucleare? Diremo più una guerra superbionica, eccezionalmente iperviolenta con l’uso di armi al tetracloruro di ottano.
«Io sono una roccia, non mollerò mai fino a quando non avrò risolto i problemi della mia Regione» (Vincenzo De Luca, ibidem). Quando l’ego porta all’autoelogio.
«Buon compleanno ad un grande Uomo di Stato. Auguri, Presidente Napolitano!» (Pina Picierno, drona renziana). Slurp, slurp.
«Finalmente cade la rigidità del trattato di Dublino». Venti minuti dopo: «Grazie a Matteo Renzi cade finalmente la rigidità del trattato di Dublino» (Pina Picierno). Guai a non nominare il capo.
«Il sesso orale è eccitante perché spesso ci è chiesto di reprimere voglie e desideri» (L’Internazionale online). Chiamate subito la giuria del Pulitzer.
da giornalettismo.it«La comunità internazionale sarà più credibile e forte se deciderà di porre fine militarmente allo Stato Islamico»; «C’è una mancanza di prese di posizioni chiare dei musulmani moderati che getta un’ombra tetra su tutto l’Islam»; «È difficile fare accordi con i musulmani perché non c’è una struttura organizzata ufficiale con cui parlare»; «La distinzione tra i gruppi fondamentalisti e i musulmani moderati diventa sempre più sottile» (Maurizio Gasparri). Quando si dice avere un chiodo fisso.

Tito Borsa

Ho fondato La Voce che Stecca e la dirigo dal 19 aprile 2014. Scrivo ogni mese sul Borghese e ogni tanto sul blog Sostenitore del Fatto Quotidiano. Una laurea in Filosofia all'Università di Padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares