Roma: riprendiamoci la grande bellezza

unnamed

Le settimane di fuoco che stanno investendo Roma hanno più o meno 35 anni, ebbene sì è da molto tempo che la meravigliosa città eterna convive con un disagio e un peso non indifferente. Peso che però in queste ultime settimane è stato notato da molti turisti che hanno denunciato la situazione a New York Times e Le Monde.

Roma alias Caput mundi conosciuta per la sua gloriosa storia, e per il suo immenso patrimonio artistico che non ha nemmeno bisogno di essere menzionato (Sorrentino gli ha già reso giustizia), si trova ora a convivere con una situazione di pochezza culturale ed instabilità politica.
Le vicende che coinvolgono la città spaziano dall’inchiesta di Mafia Capitale alla sporcizia in prima in pagina e all’abusivismo, tutto ciò ci fa capire come il problema riguardi sì la politica, anzi la mala politica, ma anche il singolo cittadino e mi permetto di citare Sartre, secondo cui «ci definiamo attraverso i nostri atti». La responsabilità è anche e soprattutto dell’individuo.
I cittadini romani come tutti i cittadini hanno una grande responsabilità nei confronti della loro città, non si può pensare di sfruttare il territorio solo dal punto di vista economico – visti i milioni di turisti l’anno – senza rispettarlo e poi puntare il dito contro la politica.
Però a cercare di mettere delle toppe ci sono delle forme di attivismo sociale che meritano di essere menzionate perché radunano migliaia di persone: giovani, adulti, stranieri tutti che si adoperano per ripulire e far vivere alcune zone della città, non si tratta di sostituire lo Stato, ma di contribuire, anche chi paga le tasse regolarmente può e deve contribuire in quanto è essenziale il contributo di ognuno di noi per migliorare un luogo unico al mondo, come la capitale.

Nadia Salviato

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

2 pensieri riguardo “Roma: riprendiamoci la grande bellezza

  • agosto 5, 2015 in 4:40 pm
    Permalink

    Bellissimo articolo ma vorrei porre a Nadia un piccolo interrogativo: non sarebbe più semplice educare i (pochi) politici rispetto ai (molti) cittadini? Dopo l’educazione dei cittadini avverrebbe per osmosi

    Risposta
    • agosto 7, 2015 in 7:51 am
      Permalink

      Cara Romina,

      Il tuo pensiero è corretto però lontano dal mio, e ti spiego perché credo che le fondamenta cioè le basi di una società siano i cittadini, senza le basi di ogni cosa non si possono di certo avere le altezze. Questo intendo, intendo che la base di ogni stato sono i cittadini ed è da loro che deve partire il gesto di essere migliori e di essere esemplari. Quando parlo di responsabilità parlo di questo, parlo della singola azione individuale, con questo non voglio dire che il politico sia esonerato dalle responsabilità.
      Il politico e la politica in generale ormai sono molto lontani dalla società , dal singolo individuo, hanno perso il contatto con la “base”, l’educazione per essere collettiva deve essere basilare.
      Spero tu abbia capito il senso, ottima domanda! 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares