Il fascino di Spoon River fra Masters e De Andrè

Un mese fa ero a farmi una giornata di mare a Rosolina, in provincia di Rovigo. Tappa obbligata le rare volte che mi trovo da quelle parti è un negozio di libri usati: fra tante pubblicazioni inutili (molte delle quali acquistate solo dall’autore e dai parenti più prossimi) e tanti libri mainstream che si possono acquistare ovunque, si trova sempre qualche gioiellino che vale la pena di comprare. Anche questa volta sono riuscito a trovare qualcosa di interessante: la quarta edizione, datata 1953, dell’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters (trad. Fernanda Pivano, Einaudi). Prima di parlarvi di questa raccolta di poesie, a chi fosse interessato tra le tante sul mercato mi sentirei di consigliare l’edizione Einaudi (ET poesia, 12 euro) perché tradotta dalla Pivano.

Edgar Lee Masters
Edgar Lee Masters

antologia-di-spoon-river_fronte

L’Antologia di Spoon River, scritta dall’avvocato Edgar Lee Masters nei primi decenni del secolo scorso e pubblicata nel 1915, è diventata famosa nel nostro paese dopo che Fabrizio De André nel 1971 ne trasse l’album «Non al denaro, non all’amore né al cielo» (con gli arrangiamenti del futuro premio Oscar Nicola Piovani). Le poesie sono confessioni, invettive, malinconici ricordi sussurrati, urlati o proclamati dagli «ospiti» dell’immaginario cimitero di Spoon River, Usa. Cosa trarre da queste poesie? Che a muovere il mondo sono sempre due cose: l’amore (rivolto a qualcuno o a qualcosa) e l’invidia e che rinchiusi in una bara sotto un metro di terra siamo tutti uguali e, per una volta, non avendo nulla da nascondere o da dimostrare siamo davvero noi stessi. È questa la grandezza dell’opera di copertina_nonaldenaroLee Masters (a cui segue Il nuovo Spoon River, di minore importanza e qualità artistica): con una semplicità disarmante, «E se la gente sa che sai suonare, suonare ti tocca, per tutta la vita», l’autore è riuscito a spiegare la commedia umana in tutte le sue infinite sfaccettature. «Finii con le stesse terre, finii con un violino spaccato – e un ridere rauco e ricordi, e nemmeno un rimpianto», racconta il violinista Jones che De Andrè, per ragioni di metrica, 60 anni dopo fece diventare un flautista.
«Immaginate di essere alto cinque piedi e due pollici, e di aver cominciato come garzone droghiere, finché, studiando legge di notte, siete riuscito a diventar procuratore», racconta il nano Selah Lively, poi divenuto un Giudice quando a farlo parlare è stato Fabrizio De Andrè: «la maldicenza insiste, batte la lingua sul tamburo fino a dire che un nano è una carogna di sicuro perché ha il cuore troppo, troppo vicino al buco del culo». A proposito di questo geniale ultimo verso, di cui non si trova traccia nell’originale, Fernanda Pivano racconta che, quando De André eseguì la canzone per ottenere il suo ok in quanto traduttrice dell’opera, cantò «Perché ha il cuore troppo, troppo vicino al buco dell’ehm ehm», borbottando la parola «culo» per paura di scandalizzarla. Evidentemente non la conosceva ancora così bene.
L’
Antologia rimane una raccolta di incredibile attualità nonostante i 100 anni trascorsi dalla sua pubblicazione, forse perché noi uomini non siamo cambiati per niente.

Tito Borsa

Ho fondato La Voce che Stecca e la dirigo dal 19 aprile 2014. Scrivo ogni mese sul Borghese e ogni tanto sul blog Sostenitore del Fatto Quotidiano. Una laurea in Filosofia all'Università di Padova

4 pensieri riguardo “Il fascino di Spoon River fra Masters e De Andrè

  • agosto 17, 2015 in 11:38 am
    Permalink

    Bellissimo articolo su due capolavori assoluti. Una volta all’anno rileggo Poin River e ogni volta ci trovo qualcosa che non conoscevo

    Risposta
  • agosto 17, 2015 in 12:09 pm
    Permalink

    Riscontro delle imprecisioni:
    Masters non era un medico ma un avvocato;
    l’Antologia era già molto nota in Italia ben prima di De Andrè;
    sebbene sia soggettivo, trovo assai arduo sostenere che le due tematiche della raccolta siano l’invidia e l’amore: mi sembrano semmai le tematiche dell’album di De Andrè. L’Antologia è assai più vasta e articolata, e solo per fare un esempio le due poesie che più amo (Johnnie Sayre e George Gray) toccano corde complicate e diverse;
    di certo non direi infine che per Masters siano amore e invidia a muovere il mondo: anche qua, semmai, si parla di De Andrè. Per Masters il mondo non lo muove un bel niente: è statico, fermato e fotografato al momento dell’interruzione, della morte. Pare assai forzato inserire una nozione dinamica in un contesto simile.
    insomma di cosa parla l’articolo: di “Spoon River” o di “Non al denaro, non all’amore né al cielo”?

    Risposta
    • agosto 17, 2015 in 12:26 pm
      Permalink

      Corretto il «medico», per il resto si tratta di una mia lettura dell’opera che non ha pretesa né di esaustività né di legge

      Risposta
  • Pingback: De André fa risorgere Lee Masters dall’oblio | La Voce che Stecca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares