Brugnaro, Elton John e la Meloni: fra omofobia e sproloquio

Antefatto: il sindaco di Venezia Brugnaro ha ritirato dalle scuole della città alcuni libri, colpevoli a suo avviso di diffondere l’ «ideologia gender», che, ricordiamo, non esiste. Quei titoli censurati, invece, avrebbero avuto lo scopo di insegnare ai bambini il rispetto per la disabilità e per l’omosessualità. Contro la decisione di Brugnaro si è scagliato anche il cantante Elton John, che ha definito il sindaco «bigotto e cafone». Anche se le pressioni ricevute finora hanno portato ad una riduzione dei libri ritirati (da 49 a 2), di certo non si fermano né le polemiche né l’odio nei confronti della comunità LGBTQI. Abbiamo raccolto per voi la crème de la crème dell’ignoranza e del bigottismo italiano, direttamente dalla pagina Facebook di Giorgia Meloni (da un post del 18 agosto e da uno del 19 che presenta gli stessi concetti e gli stessi toni).

Melonidef

Quanta capacità di dialogo, quanto amore per la democrazia, che classe! Ah, per la cronaca, cara Meloni: impara la differenza tra genere e orientamento sessuale e, ti prego, spiegala anche a tutti coloro che hanno avuto la faccia tosta di sostenere ciò che hai scritto (in lingua italiana, ovviamente, così di sicuro Elton John potrà ribattere).

Foto 1

Foto1bis

Da notare «i deliri di voi diversi» ma soprattutto il tormentone «A casa!», applicabile in diversi contesti, un evergreen.

Foto2

Ricordiamo all’autore del primo commento che essere gay non è una scelta, quella di aprire la bocca e sproloquiare senza cognizione di causa su diritti e doveri invece lo è.
Insistiamo, invece, affinché l’autore del secondo riceva la corona poetica: è riuscito a combinare in pochi versi un insulto, un pensiero razzista e uno omofobo, il tutto condito da un generoso caps lock e da una perfetta conoscenza della grammatica italiana e della consecutio temporum («unisse…partorirà»). Che dire? Un innovatore.

Foto3

Foto3bis

Ah, i sostenitori della «famiglia naturale». Fanno quasi tenerezza.
Come se un uomo gay non potesse avere un figlio con una sua amica. Reato! Non siamo esseri senzienti, noi umani: dobbiamo ancora pensare solamente alla procreazione per far andare avanti la specie (E infatti siamo in 7 miliardi, ovvero in sovrappopolamento. Logico, no?).
Come se in natura (tra i delfini, i pinguini, le scimmie antropomorfe – tanto per fare qualche esempio) non ci fossero famiglie omogenitoriali e animali con comportamenti omosessuali.
Ah, i valori tradizionali, i sacri insegnamenti che solo gli etero possono trasmettere ai figli! Si sa, tutti i gay sono immorali, rubano, uccidono, spacciano, tradiscono il partner, sono misogini, violenti, e pure un po’ stronzi. Rovineranno la società! O tempora, o mores!

Foto4

Ripetiamo come un mantra «Genere e orientamento sessuale non sono la stessa cosa», «Genere e orient..» Ma poi, caro Elton, perché scombini le certezze di questa povera ragazza?! Non sia mai che si scopra lesbica. Orrore!!

Foto5

Shares