Due anni di Voce. Una raccolta fondi e un ebook in omaggio!

«Questa voce stecca, stona dal coro e per questo è perfettamente udibile da chiunque la voglia ascoltare. Il coro, somma di innumerevoli voci potenti, tende a soffocare il singolo in nome della forza della molteplicità». Così scrivevo esattamente due anni fa, nell’articolo che ha dato il via all’esperienza della Voce, ignaro di ciò che questo blog sarebbe ben presto diventato.

2016-04-18-141709_1280x1024_scrot

Oggi festeggiamo con orgoglio il nostro secondo compleanno, mandando un affettuoso e per nulla canzonatorio abbraccio a tutti coloro che ci hanno insultato, deriso, offeso e che non avrebbero scommesso un solo centesimo sulla riuscita di questo progetto. Abbiamo passato momenti indubbiamente difficili: gli addii di alcuni validissimi collaboratori, le difficoltà nel conciliare la gestione del blog con i nostri impegni quotidiani e i momenti in cui, scoraggiati, volevamo chiudere tutto; per fortuna le soddisfazioni non sono mancate: dall’opportunità di dialogare con persone eccezionali ai complimenti ricevuti da colonne portanti del giornalismo italiano, dai ringraziamenti dei lettori alle discussioni nate in seguito al nostro lavoro. Grazie a tutto questo siamo ancora qui, a proseguire con la piccola grande follia che questo blog costituisce. Non sappiamo che accadrà in futuro ma abbiamo deciso di pensare al presente, dando il massimo giorno dopo giorno consapevoli che l’esistenza della Voce è appesa a un filo: basterebbe una querela, e quindi la necessità di un avvocato, per far crollare tutto.
Il merito della riuscita di questo progetto è in gran parte dei nostri lettori: sempre al nostro fianco, attenti, critici, pronti a discutere con noi, a lodarci o a demolirci, e il loro giudizio per noi conta più di qualunque altra cosa perché loro sono i nostri datori di lavoro, noi ci impegniamo per fornire loro uno spazio di discussione sempre attuale e di qualità. Speriamo di esserci riusciti e di continuare a farlo, migliorando e imparando dai nostri errori.

Oggi però, nonostante sia una giornata di festa, dobbiamo comunicarvi due cose molto importanti.
1. Da oggi fino al 19 maggio potrete fare una donazione per permetterci di sopravvivere un altro anno: questo blog, nonostante il lavoro di tutti sia volontario e gratuito, ha delle spese oggettive da sostenere che riguardano il sito in sé, in particolare dominio e hosting. Per questo motivo abbiamo bisogno di 150 euro. Riteniamo giusto chiederli ai nostri lettori perché, visto che sono loro i nostri padroni, pensiamo che sia corretto che abbiano la possibilità di decidere se darci fiducia per un altro anno. Le donazioni possono essere fatte con carta di credito, carta prepagata o Paypal cliccando sul link qui sotto.

DONAZIONE


2. Per ringraziarvi del supporto che ci continuate a dare e della vostra eventuale donazione, abbiamo deciso di permettere a chiunque di scaricare gratuitamente una copia dell’ebook Noi siamo la Voce in formato Pdf cliccando sull’immagine sottostante. Arricchito dall’interessante (e sin troppo lusinghiera) prefazione di Viviana Correddu (autrice de Il Gallo siamo noi per Chiarelettere e blogger di ilfattoquotidiano.it), questo libretto mostra il lato più umano della nostra Redazione, lato che spesso fatica a risaltare da quanto scriviamo. È un dono che vogliamo farvi indipendentemente dal fatto che decidiate di donarci qualcosa: il vostro più grande (e incommensurabile) contributo lo avete già dato, partecipando attivamente al nostro lavoro.

Clicca sull'immagine per scaricare l'ebook
Clicca sull’immagine per scaricare l’ebook

Tito Borsa

Giornalista praticante. Mi occupo principalmente di inchiesta giudiziaria. Autore di "L'Affaire Somalia. Romanzo di una strage" (2020) e di "Un silenzio italiano" (Cleup, 2017). Ho fondato La Voce che Stecca e l'ho diretta fino al 30 settembre 2017.

Rispondi

Shares