Federica, amica prima che collega, se ne va a Ginevra

Mercoledì scorso la nostra Federica Tronci si è laureata in Scienze Politiche, Relazioni Internazionali e Diritti Umani all’Università di Padova. Con noi da ottobre scorso, fra qualche mese proseguirà i suoi studi a Ginevra. Siamo consapevoli sia che non stiamo ricordando una morta, sia che questo articolo imbarazzerà non poco la diretta interessata (sempre pronta a ricordare i meriti altrui e a scordarsi dei propri), però Federica in questi mesi ci ha dato tantissimo e vogliamo ringraziarla in questo modo.

11951774_431073867094259_3064903001806563113_n

La sua collaborazione con la Voce probabilmente continuerà anche da Ginevra, però le occasioni per vederci saranno davvero poche, per 12936654_494854537382858_7763140236720400498_nquesto chi scrive non può nascondere un po’ di tristezza, nonostante la grandissima soddisfazione nel vedere un’amica (prima ancora che una collega) che riesce a realizzare i propri sogni. Federica mi ha insegnato che cosa significa essere «cittadini del mondo», un termine di cui si è fin troppo abusato ma che in questo caso calza davvero alla perfezione, e che le cose importanti sono solo i sogni che si desidera realizzare. Pur avendo diecimila porte aperte davanti a sé, Federica vuole vivere per aiutare gli altri, per fornire supporto agli ultimi della società, soprattutto alle donne: animata da un femminismo militante («Siamo donne con la “D” maiuscola, vogliamo uomini con la “U” maiuscola», si dice che sia arrivata a sentenziare), motivo di pacate discussioni con il sottoscritto, Federica vuole cambiare il mondo, e ha tutte le carte in regola per dare 13335930_519371488264496_6150909750181589442_nil proprio prezioso contributo. Anche io ho viaggiato, soprattutto da piccolo, e ho sempre amato viaggiare; conoscere Federica e ascoltarla mentre con gli occhi sognanti mi raccontava della sua esperienza in India è stato il punto di svolta che mi ha fatto tornare la voglia di mettermi in gioco e di non accontentarmi di stare bene nell’orticello che mi sono creato qui a Padova. Nata e diplomatasi in Sardegna, Federica ha vissuto un anno come ragazza alla pari a Parigi, prima di iscriversi all’Università; ha amici più o meno in ogni angolo del globo. La sua festa di laurea è stata 13728918_1721060294825988_8247597734091718005_nl’evento più culturalmente vario a cui io abbia mai partecipato: qualche padovano, la sua famiglia sarda, poi brasiliani, calabresi, pugliesi e così via; un turbinio di diversità che non può che far crescere.
Quando escono queste righe, Federica sta tornando a casa per poi ripartire per la Svizzera, troppo lontano da noi. Siamo consapevoli che le distanze non dividono se i rapporti rimangono, però (anche se la nostra non era una frequentazione costante) sapere che era qui vicino a noi ci dava sicuramente più sicurezza.
Penso di parlare a nome di tutto il blog nell’augurarle di realizzare tutti i suoi sogni: ha le capacità, il coraggio e l’intraprendenza necessari, non penso che serva altro.

Tito Borsa

Giornalista professionista e fotografo. Ho pubblicato vari libri tra storia, inchiesta giornalistica e fotografia

Rispondi

Shares