Un romanzo per riunire miti e leggende antichi

Bibbia pagana
Giorgio Dell’Arti
Edizioni Clichy – 2016 – 19 euro

Dopo Il giorno prima del SessantottoCoro degli assassini e dei morti ammazzatiI nuovi venuti, Giorgio Dell’Arti, giornalista e conduttore radiofonico (e padre di Lucrezia, di cui abbiamo recensito un volume), torna a scrivere. Aveva curato Corruzioni di Carlo Dossi, ma oggi vi parliamo della Bibbia pagana, dove la mitologia si ripropone in forma di racconto. L’Autore si cimenta in un’impresa mai tentata prima: riassemblare in un vero romanzo i miti che narrano le imprese di Zeus, Odisseo, Afrodite e tanti altri. Storie apparentemente slegate e indipendenti che oggi rivivono riunite in un unicum davvero originale e singolare. Il risultato è un racconto forte, scritto in un linguaggio completamente nuovo per la letteratura italiana, ricchissimo, popolare e colto insieme, e una narrazione incontenibile, complessa ma anche immediata come tutti i miti, piena di luci e colori, che descrive una società primitiva, selvaggia e bellicosa, in cui gli dèi e gli uomini si mescolano fra di loro, combattendo e facendo l’amore. Si comincia in un’epoca lontanissima e si finisce in una notte di 3500 anni fa, quando Elena e Paride fuggono di nascosto dal palazzo di re Menelao.
Una narrazione coinvolgente che lascia con il fiato sospeso anche gli esperti di miti e leggende antichi. Diviso in paragrafi, così da risultare ordinato e di facile lettura. Un’opera monumentale, come è difficile trovare oggi in libreria. Un libro da conservare con cura perché permette al lettore di riscoprire l’attualità di storie sentite tante volte: basta cambiare il linguaggio e la struttura e tutti i miti tornano come d’incanto inediti. 

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

Rispondi

Shares