Padova: stasera lo spettacolo sul Maxiprocesso alla mafia

A 25 anni dalla strage di Capaci e dopo il successo di pubblico e critica per la loro rilettura contemporanea di Frankestein di Mary Shelley, i Barabao Teatro tornano in scena proponendo stavolta il teatro sociale con una produzione firmata Romina Ranzato, con Ivan Di Noia in uno spettacolo che affronta uno dei temi caldi della nostra storia recente: l’assassinio di Giovanni Falcone e il Maxiprocesso alla mafia. Un monologo strutturato a quattro voci perché, per parlare di Giovanni Falcone e del Maxiprocesso, la regista ha scelto di concentrare l’attenzione sui quattro personaggi chiave che, a partire dalla strage di Capaci del 23 maggio 1992, hanno aperto una breccia sul muro dell’omertà.
Personaggio chiave è senz’altro Giovanni Falcone giudice a Palermo, che ha come obiettivo quello di colpire il cuore della mafia. Una mafia che da tempo immemore tiene sotto scacco non solo la Sicilia, ma l’Italia intera. Il secondo personaggio chiave è Tommaso Buscetta, il boss dei due mondi, catturato in Brasile. Buscetta fa parte della mafia perdente. I suoi familiari sono stati tutti falciati dalle vendette trasversali e Buscetta li vuole vendicare. Parlando. Grazie a lui per la prima volta l’Italia scoprirà cos’è la mafia, chi sono i capi, quanti i mafiosi, come si struttura Cosa Nostra, i rapporti tra Stato mafia e politica. Buscetta è il personaggio chiave che permette al Pool Antimafia di istituire il Maxiprocesso. Buscetta è il primo pentito a infrangere la regola fondamentale della mafia: l’omertà.
Dopo le sue dichiarazioni scatta il blitz San Michele, in nome del santo celebrato quel giorno: 475 persone vengono arrestate, ha così inizio il Maxiprocesso.
Alla prima nazionale che si svolgerà al Centro Culturale San Gaetano a Padova stasera alle 21 saranno presenti i responsabili della Regione Veneto della Fondazione Caponnetto progetto giovani sentinelle, che si impegnerà inoltre a offrire lo spettacolo a studenti bisognosi, con la convinzione che la cultura – e quindi anche il teatro – debba essere per tutti.

Biglietti su prenotazione: 393 9812287
Intero 8 euro; ridotto 5 euro (studenti e over 65)

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares