Fast food: un robot a cucinarvi gli hamburger

Cari apocalittici,
fatevene una ragione: prima o poi sarebbe accaduto. Intelligenza artificiale, progresso e scienza viaggiano di pari passo e hanno creato un robot in grado di lavorare in cucina come un vero e proprio individuo in carne e ossa. L’esperimento arriva dall’America, e in particolare da Pasadena, in California. L’idea è nata da una collaborazione tra la catena di fastfood CaliBurger e la Miso Robotics, la cui missione è di «sviluppare una tecnologia che aiuti gli chef a preparare cibo regolarmente e perfettamente, a prezzi accessibili a tutti».
Flippy è un automa con braccia meccanizzate in grado di cuocere hamburger e metterli nei panini da servire ai clienti. Tutto ciò è possibile grazie al suo «cervello» costruito con tecnologie di intelligenza artificiale. Il robot è stato progettato per distinguere diversi tipi di carne e quindi è in grado di monitorarne anche i differenti gradi di cottura. Quando l’hamburger è pronto, Flippy avvisa il cuoco vero, cioè il suo collega umano, il quale nel frattempo prepara il resto degli ingredienti da inserire nel panino: insalata, patatine, formaggio, varie salse e così via.
Nei prossimi due anni, quando la fase sperimentale sarà del tutto completata, Flippy diventerà l’aiuto cuoco in altri 50 locali della catena di fastfood.
Un vantaggio da tenere in considerazione è che il robot utilizza fotocamere, sensori e un software di apprendimento automatico per individuare gli ingredienti in una cucina per cui non è necessario riconfigurarlo ogni volta. Il team della Miso Robotics sostiene inoltre che Flippy è in grado di svolgere molte altre mansioni in cucina come la frittura di patatine, il taglio delle verdure, e perfino l’arte dell’impiattamento. Lo staff tiene a precisare che il robot non sostituirà del tutto l’uomo, ma è progettato per lavorare con le persone in carne e ossa.
Al di là della mera questione tra apocalittici e integrati, quello su cui bisogna ragionare è il rapporto umano che in un certo qual modo sarà ridimensionato. Circondandosi di aiuto cuochi robot verrà a mancare quello scambio di opinioni, sguardi e informazioni che sotto molti punti di vista è vitale per un individuo non solo a livello lavorativo. Sicuramente avere delle macchine addestrate a fare determinate azioni farà risparmiare tempo ed eviterà qualche distrazione di troppo, ma è importante prestare attenzione anche al mutamento che tali  innovazioni andranno ad apportare alle relazioni umane.
Cari integrati, pensateci!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares