Torna Alice Lobo con «Even the stones fall»

Even the stones fall
LoboLoto
2017

Vi avevamo già parlato di Alice Lobo, alias LoboLoto, ricordate? «Even the stones fall» è il suo nuovo lavoro: un album di suoni distorti e sonorità cupe che creano un ottimo contrasto con la voce limpida e chiara dell’artista. «Sono brani in cui emerge forte la personalità degli artisti che li hanno composti; sono un punto di incontro tra intimità e originalità, caratterista che rimane coerente per l’intero progetto», aveva scritto Valeria Mancini parlando di «Lux tua», l’Ep che aveva preceduto questo album. E ci sentiamo di estendere queste parole all’intero Lp: un disco riuscito, freddo, quasi glaciale, che tiene una distanza fra l’artista e l’ascoltatore.
Alice Lobo riesce a creare delle atmosfere inquietanti, grazie al sapiente uso di elettronica e di effetti vocali: esempio perfetto di questo è la enigmatica F#m, che spazia da aritmiche parti che potrebbero fungere da colonna sonora a un film horror d’autore, per arrivare a batterie elettroniche che creano qualcosa di simile a un ritmo. Sempre però con una sorta di «assenza» che inquieta l’ascoltatore, creando un effetto climax che prosegue per tutto l’album.
«Questo Ep è la dimostrazione che anche la sperimentazione può dar vita ad uno stile emotivo. Sono brani in cui emerge forte la personalità degli artisti che li hanno composti; sono un punto di incontro tra intimità e originalità, caratteristica che rimane coerente per l’intero progetto», scriveva ancora Valeria Mancini, e noi non possiamo che ribadire con decisione il suo commento all’ottimo Ep, di cui «Even the stones fall» merita davvero di essere il compimento.

La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares