Quando lo Stato è contaminato: gli enti pubblici sciolti per mafia

Secondo una sentenza del 1993 della Corte Costituzionale, gli elementi su cui deve poggiare lo scioglimento di un ente, pubblico o amministrativo, sono innanzitutto i collegamenti diretti e indiretti degli amministratori locali con la criminalità organizzata o, in alternativa, il condizionamento che la mafia impone agli amministratori. Oltre a ciò, è necessario che il condizionamento porti ad una mancanza di libera determinazione per gli organi elettivi/amministrativi, a un andamento negativo dell’ente locale, a un malfunzionamento dei servizi affidati all’ente, oppure a un pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Questo istituto fu introdotto con Decreto Legge il 31 Maggio 1991, aggiungendosi come articolo, chiamato 15 bis, alla legge n.55 del 19 Marzo 1990. Fu in seguito a una faida a Taurianova che nacque, appunto, il primo provvedimento antimafia atto a sciogliere qualsiasi ente con i requisiti precedenti.
Proprio grazie a questo, il 22 novembre scorso sono stati sciolti per infiltrazione mafiosa cinque comuni italiani, tutti e cinque in Calabria. Interessante è la storia del Comune di Lamezia Terme, perché questa è già la terza volta che viene sottoposto a questa misura.
Dal 1991, in Italia, sono almeno dieci i comuni sciolti per mafia almeno tre volte. In provincia di Palermo, troviamo Misilmeri; in provincia di Reggio Calabria, Melito di Porta del Salvo, Roccaforte del Greco, San Ferdinando, Taurianova, Lamezia Terme; in Provincia di Caserta annoveriamo Casapenna, S.Cipriano d’Aversa, Grazzinese, e, infine, Casal di Principe, quest’ ultimo col record di nove volte. Da gennaio 2017 sono vento i Comuni commissariati per mano del Presidente della Repubblica: quattro in Campania, uno in Puglia, due in Sicilia, dodici in Calabria e uno in Liguria, Lavagna.
Sono invece duecentonovanta i comuni sciolti per infiltrazione mafiosa dal 1991, ma venticinque di questi sono stati annullati per ricorso. Soltanto un capoluogo di provincia è stato coinvolto: Reggio Calabria. D’altronde, i comuni sciolti nel territorio calabrese negli ultimi quattro anni sono raddoppiati, passando da 4,7 a 8,2 all’anno. Tre regioni, Calabria, Campania, Sicilia si portano a casa il 96,49 % dei Decreti Presidenziali. Il più piccolo Consiglio Comunale sciolto è San Procopio in provincia di Reggio Calabria, con 617 abitanti.
Quattro, invece, sono le Aziende Sanitarie sciolte dall’entrata in vigore dal Decreto: Pomigliano d’Arco, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Locri. Solo uno è il consiglio municipale caduto per mafia, il decimo municipio di Roma, Ostia.
Sapendo che i decreti si dividono in tre momenti dell’anno, i prossimi, pensando in negativo, dovrebbero essere tra marzo e aprile 2018.
Per quanto possa essere piccolo un ente pubblico sciolto per mafia, esso rappresenta il vero volto di questo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares