C’è da meditare sulla piazza leghista

È stato fatto un esperimento agghiacciante in una piazza di militanti leghisti: sono stati aggiunti per finta dei punti anticostituzionali ed estremisti nel programma di governo leghista, punti che in realtà non c’erano. Torture per indurre alla confessione e la reintroduzione della pena di morte. Gli intervistati si sono detti d’accordo, molti hanno aggiunto che bisognerebbe lasciare senza mangiare e bere i musulmani, poi però il crocifisso e il presepe non si toccano. C’è da meditare.

Cecilia Alfier

Impegnata tra libri e scacchi, in movimento tra Padova e Torino, sempre con una forte dose di sarcasmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares