Ufficio postale: girone infernale

Non so se capita anche a voi,  a me sì,  sempre più spesso.  L’ufficio postale mi appare sempre più come un girone infernale.

Se prendessimo ciò che accade tutti i giorni alle poste come termometro di come sta il Paese, allora saremmo in crisi fino al 2070. Mai una volta che la fila sia dritta, ordinata, silenziosa. Inoltre non si capisce mai chi deve entrare in ufficio e chi no. E alla fine tutti escono più arrabbiati di prima.

Cecilia Alfier

Impegnata tra libri e scacchi, in movimento tra Padova e Torino, sempre con una forte dose di sarcasmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares