La Voce che Stecca: la nostra Carta etica

10912970_1405275839765343_496110764_n1.jpg

CARTA ETICA

Valida per la Direttrice, tutti i collaboratori e chiunque scriva — anche non appartenendo alla Redazione — su La Voce che Stecca. Fanno eccezione: comunicati stampa, rettifiche, diritti di replica e altri articoli non assimilabili al normale lavoro di blogger.

La Redazione de La Voce che Stecca, consapevole della propria opera di utilità verso i lettori e del proprio obiettivo di creare una discussione informata, intende attenersi in ogni circostanza ai doveri che seguono:

  • Mettere da parte i propri pregiudizi politici, religiosi, etici o simili e basarsi unicamente sui fatti e sul rapporto fra di essi per esprimere la propria opinione;
  • Instaurare un rapporto di completa onestà verso il lettore in cui la buona fede è il fattore principale: se, inavvertitamente, vengono divulgate informazioni false, erronee o altro, lo si farà presente al lettore con la medesima modalità con cui era stata divulgata la notizia;
  • Tutelare i più deboli: non divulgare informazioni più o meno sensibili su minori, privati cittadini o altre persone non pubbliche. Ogni deroga a questo proposito sarà motivata dalla presunta necessità che un’informazione diventi di dominio pubblico, sempre nel rispetto della normativa vigente.
  • Non ci sarà alcun ritorno economico derivante dal lavoro su La Voce che Stecca: ogni intervento è da considerarsi volontario e senza retribuzione. Né i collaboratori né la Direttrice percepiscono qualche guadagno da questo blog che, in quanto privo di pubblicità, non è fonte di denaro.

Questa Carta etica potrà essere modificata da qualunque membro della redazione del blog con la seguente modalità:

  • con maggioranza di tre quarti fra i membri della redazione.

Ogni membro della Redazione e chiunque scriva sul blog in modo saltuario, una tantum o continuativo accetta di sottostare a questa Carta etica, visto l’importante valore simbolico e materiale che ha.

Gerarda Monaco
Padova, 24 novembre 2016

Shares