12265832_10153747813364920_2255178367736384528_o«Perché a vent’anni è tutto ancora intero, perché a vent’anni è tutto “Chi lo sa”. A vent’anni si è stupidi davvero, quante balle si ha in testa a quell’età». (Eskimo, Francesco Guccini)
Una domanda mi tormenta da giorni: che effetto avrà sui giovani l’ondata di odio dopo le stragi di Parigi?
Non mi si venga a dire che oltre agli attentati francesi ci sono anche quelli in Siria, quello sull’aereo russo e così via, e che è ipocrita indignarsi soltanto per quelli più vicini a noi. Sarà anche ipocrita, ma è umano – soprattutto per chi, come me, ha avuto la fortuna di non vivere la guerra se non in tv o nei libri di storia – avere paura quando il confine fra il vissuto e il visto non è più così nitido ed è la nostra tranquilla vita quotidiana a pagarne le conseguenze.
A vent’anni, lo dico fingendo un minimo di distacco che ovviamente non può esserci, la vita è fatta di domani: farò, sarò, vivrò; quale effetto deleterio può avere sulla «generazione-futuro» un fenomeno che è antitetico a ogni progetto o riferimento al futuro stesso?

Immagine di Flavio Kampah Campagna

Di Tito Borsa

Giornalista professionista e fotografo. Ho pubblicato vari libri tra storia, inchiesta giornalistica e fotografia

La Voce che Stecca