L’uguaglianza dei disabili passa per il «maltrattamento»

finita la sbornia referendaria, possiamo occuparci a cuor leggero di alcune «spigolature» che hanno fatto da contorno alla discussione più o meno nel merito della riforma costituzionale.
Il protagonista è qui Giuliano Parodi, sindaco di di Suvereto (Livorno) eletto nel 2014 con la lista civica Assemblea Popolare, che ha pubblicato su Facebook il post che segue, riferendosi alla dichiarazione di voto del campione paralimpico Alex Zanardi.

schermata-2016-12-05-alle-21-03-19

Ecco, quella battuta riferita alla disabilità di Zanardi ha scatenato un putiferio: polemiche su polemiche e articoli anche su giornali nazionali. Questa è la conferma che quel processo avente come telos l’uguaglianza è ancora incagliato: la spiritosaggine di Parodi è probabilmente banale e addirittura può essere definita squallida, ma è assurdo non dargli il diritto di divulgarla.
Continuando a «proteggere» i disabili non facciamo altro che trattarli come una categoria «debole», come una specie da preservare, evidenziando in questo modo la loro diversità rispetto a noi «normali». Già la dicitura «diversamente abile» è consolatoria: una persona, per esempio, non è in grado di camminare si dà per scontato che sappia fare altro, che sia «abile» in ambiti differenti. Ci sono i disabili inetti e incapaci come i «normali» analoghi.
Bisogna smettere di tutelare i disabili in ambiti come questo: come si prendono in giro (più o meno bonariamente) le persone grasse, brufolose o basse con gradi che vanno dalla battuta tollerata o addirittura promossa, all’insulto e all’umiliazione gratuita fuori luogo e da abbattere; allo stesso modo si può prendere in giro un disabile, seguendo la stessa identica «scala» di intensità.
Non saranno mai uguali a noi se non iniziamo a sfotterli e a «maltrattarli» come sfottiamo e «maltrattiamo» chiunque altro: c’è un limite ovviamente a ogni presa in giro, però dev’essere lo stesso per chiunque. 

Tito Borsa

Giornalista professionista e fotografo. Ho pubblicato vari libri tra storia, inchiesta giornalistica e fotografia

Scrivi un commento