original

Siamo tutti studenti universitari oppure appena usciti dagli atenei, quindi crediamo di poter prendere la parola a nome di tutti. Nel momento in cui scriviamo queste righe non si sa ancora molto sullʼincidente avuto domenica mattina a Tarragona in Spagna da un pullman su cui viaggiavano molti studenti Erasmus: si parla di 13 vittime (di cui fino a 7 italiane), 34 feriti e 8 dispersi.I numeri, per quanto indubbiamente utili per dare una dimensione a quanto avvenuto, anche se nelle prossime ore cambiassero non potrebbero mutare la natura di quanto è avvenuto: è stata una tragedia. Su quel pullman potevamo benissimo esserci noi: sono tanti gli studenti che partono in Erasmus per conoscere nuove culture e nuovi luoghi e per confrontarsi con essi. Per quanto ovviamente lʼoccupazione delle vittime sia del tutto estranea alla natura dellʼincidente, non possiamo evitare di essere empaticamente coinvolti: su quel pullman potevamo esserci noi, come potevano esserci i nostri compagni di corso. E invece cʼerano ragazzi e ragazze che come noi studiano e cercano di capire come funziona il mondo.
A nome di tutta la redazione esprimiamo il più profondo cordoglio alle famiglie delle vittime e ci auguriamo che i superstiti possano superare quanto prima questo drammatico momento perché solo chi studia può (e forse deve) cambiare il mondo.

Tito Borsa
Francesca Bortoli


Di La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

La Voce che Stecca