L’asessualità è l’assenza di attrazione sessuale, non si può dunque parlare di un vero e proprio orientamento sessuale, ma piuttosto di un non-orientamento.
Per questo motivo viene spesso vista come una «scusa», come un qualcosa che non esiste. A volte è paragonata ad una scelta di tipo ascetico o ad una vigliaccheria, alla paura dell’amore.
Ma, in verità, l’asessualità è un non-orientamento, da non confondersi con un anti-orientamento, infatti gli asessuali non sono affatto sessuofobi (individui che hanno paura del sesso) e non sono affatto contro coloro che praticano il sesso. Anzi proprio perché sono la parte meno conosciuta e forse più discriminata della comunità Lgbt, la comunità asessuale è la meno propensa a discriminazioni interne dovute ad una questione insana di ghettizzazione e di formazione di una «normalità» anche nella sessualità «altra». Questo continuo scontro di ignoranza è data dallo sviluppo di continue etichette che suddividono sempre di più l’uomo. L’uomo iniziò un processo di specializzazione del lavoro che ora è arrivato ad una suddivisione di se stesso in quanto l’uomo da creatura in grado di creare per la sua sopravvivenza primaria, è divenuta una creatura che produce secondo un’oligarchia globale, la quale ha reso un prodotto l’uomo medesimo. E l’uomo in quanto prodotto ha bisogno di essere catalogato ed archiviato come qualsiasi altro prodotto.

asess2

Non si può dire però che l’asessuale non sia contro l’ipersessualità sociale. Forse una persona sessuale, a meno che non sia dotata di un grande senso critico, non nota che questa società basa tutto il suo marketing sul sesso e di conseguenza la maggioranza degli asessuali ha pressioni sia da parte della società tutta, sia da parte della famiglia e degli amici a dover forzatamente trovare qualcuno come partner. L’asessuale può trovare benissimo una persona che la ama per la sua natura. Il problema è scoprire il proprio non-orientamento. L’asessualità infatti è sconosciuta anche a molti Lgbt e se è conosciuta spesso è discriminata e ciò che è peggiore che uno dei pregiudizi più potenti è che nei confronti dell’asessualità non ci siano pregiudizi, quando non è affatto così. Inoltre una volta scoperto ed interiorizzato, si è consapevoli che sebbene ci si possa innamorare, spesso quella persona, se ricambia, non è disposta affatto ad avere solo una relazione affettivo-romantica. La soluzione è ricorrere al poliamore ma per pochi è possibile nella pratica, oppure potersi amare tra asessuali.

C’è il pregiudizio che gli asessuali non possano amare solo perché non fanno sesso. Purtroppo questa società riduce l’amore al sesso e al marketing del sesso e ciò è inevitabile che accada. La verità è che l’attrazione sessuale in una persona ci può essere senza per forza un’ attrazione amorosa e così l’attrazione amorosa può essere presente anche senza un’attrazione sessuale. L’amore e il sesso sono due cose completamente differenti e scollegate tra di loro. La sessuofobia attribuita agli asessuali è decisamente assurda ed infondata visto che alcuni di loro lo fanno anche per dar piacere al partner, sebbene poi non dia piacere a loro. Altri non ci riescono, ma non è questione di repressione o di paura, è questione di avere un determinato (non) orientamento e un determinato rapporto con la propria identità e la propria sessualità. Per alcune persone il bacio come i preliminari fanno parte della sessualità e per altre no, questo non solo per quanto riguarda gli asessuali, ma per tutte le persone. Purtroppo il pregiudizio della sessuofobia parte dal preconcetto che «è impossibile che a qualcuno non piaccia il sesso» e purtroppo ciò porta anche al pregiudizio che l’asessuale è tale perché ha subito aggressioni sessuali traumatiche da bambino. è un dato statistico purtroppo reale, ciò è probabilmente dato dal fatto che alcuni asessuali che si riconoscono come tali in realtà siano stati abusati; ma ciò non toglie che l’asessualità esista in quanto nel caso di abuso quello è un problema legato alla relazione con il proprio corpo e la propria identità e solo in quel momento l’asessualità diviene una «scusa». Inoltre ci possono essere benissimo asessuali che hanno subito davvero abusi e che ciò non va ad influire sul loro non-orientamento, che resta tale.

asess3

Sei asessuale o vuoi chiarimenti ulteriori su questo orientamento? Allora è giusto parlare dell’Avenit, l’unione degli asessuali italiani dove sono ben accetti, se non parte integrante, anche i semi/demi-sessuali e i lithromantici che sono un po’ a metà tra l’asessualità e la sessualità. È importante che ci sia un’organizzazione per una comunità piccola come quella degli asessuali e dei semisessuali. Aiuta a non sentirsi soli e chissà magari, a trovare l’amore.

Siria Comite

Di La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

La Voce che Stecca