Un taglio di circa il 50% degli stipendi parlamentari: da 5000 euro netti (in media 10435 lordi) a 5000 euro lordi. Questa è la proposta del Movimento 5 Stelle, arrivata ieri a Montecitorio. Di fronte a un’iniziativa che avrebbe forse ridato lustro alla politica, ecco la Camera compatta a dire «No». Le motivazioni sono degne di essere commentate.

L'autogol. Alessia Morani, Pd
L’autogol. Alessia Morani, Pd

«Volete ridurvi lo stipendio? Tagliatevelo voi da domani». Alessia Morani, democratica fedelissima a Matteo Renzi, forse ignora che i pentastellati da più di tre anni si tagliano lo stipendio e con quello hanno creato un fondo per le piccole e le medie imprese.

«Non è questo il modo per ridare dignità alla politica». Alan Ferrari, Pd, però non propone altri modi.
«Il dibattito di oggi si trasforma, per motivi elettorali, nella sagra della demagogia e del populismo più inconcludente» (Marco Miccoli, Pd).

Un’alternativa è stato lo slogan per il referendum, ormai divenuto un mantra: «Votate “Sì” e risparmieremo 500 milioni». Peccato che non sia vero; e ammesso e non concesso che davvero si risparmierà mezzo miliardo all’anno, perché non sommare le due cose, quanto si tratta di risparmiare, tutto fa brodo.

Di La Voce che Stecca

Articoli non firmati o scritti da persone esterne al blog

La Voce che Stecca